lunedì 21 marzo 2016

DOPO QUESTO VIAGGIO DALL'EX NEMICO COMUNISTA OBAMA DOVREBBE CHIEDERE SCUSA AL PAESE IN DIRETTA NAZIONALE





SPIEGAVO POCO FA NELL'ARTICOLO IN INGLESE CHE QUESTO VIAGGIO RAPPRESENTA UNA VERA E PROPRIA UMILIAZIONE PER IL POPOLO AMERICANO, IL CUI PRESIDENTE E' ANDATO A BUSSARE ALLE PORTE DELL'EX NEMICO COMUNISTA. RITENGO TALE VISITA COMPLETAMENTE SBAGLIATA. IL POPOLO AMERICANO SE NE DISSOCIA. CUBA E' ANCORA UN PAESE DOVE LA LIBERTA' DI STAMPA E LIMITATA, E GLI OPPOSITORI POLITICI MESSI ALLE SBARRE. UN PAESE DOVE SEI ISOLATO DAL RESTO DEL MONDO. L'HO VISTO CON CERTI AMICI CUBANI CHE HANNO VIAGGIATO LI. OLTRETUTTO CUBA E' SEMPRE IL PAESE CHE E'. NON NAVIGA NELL'ORO.  IL PRESIDENTE OBAMA DOVREBBE FORMALMENTE ANDARE IN DIRETTA NAZIONALE E CHIEDERE SCUSA AL PAESE. PER QUESTO GRAVE ERRORE COMMESSO VIAGGIANDO LI.