martedì 19 gennaio 2016

UN PENSIERO STASERA AD ALBERTO MIELI.IL CUI LIBRO L'HO LETTO IN DUE GIORNI



RITENGO STASERA SIA DOVEROSO, CHIUDERE CON UN PENSIERO AD UNA GRANDE PERSONA. UNO CHE HA SOFFERTO LE PENE DELL'INFERNO NEI LAGER NAZISTI, E CHE OGGI E' QUI' A RACCONTARCI QUELL'ORRORE. HA ATTIRATO LA MIA ATTENZIONE, GRAZIE AD UN LIBRO CHE HO NOTATO ALLA LIBRERIA UBIK DI COSENZA L'ALTRA SERA. HO LETTO IL SUO LIBRO IN DUE GIORNI. NON CHE IO NON CONOSCESSI GLI ORRORI DELLA SHOAH. PER CARITA' NE ERO AL CORRENTE. MA LA STORIA DI QUESTO SIGNORE MI HA COINVOLTO IN MODO PARTICOLARE. LEGGENDO LIBRI COME QUELLO DI ALBERTO MIELI. DOBBIAMO IMPARARE DAL PASSATO AFFINCHE' LE CULTURE CIVILIZZATE COME LA NOSTRA. NON SI RENDANO PIU' RESPONSABILI DI TALI BARBARIE. E CHE SALVAGUARDIAMO LA PACE NEL MONDO. CONTRO OGNI FORMA DI TERRORISMO O BARBARIE. POSSIAMO FARLO CON L'AIUTO DI DIO, DI GESU CRISTO E DI SUA MADRE ALLA QUALE STASERA CHIEDO DI INTERCEDERE PRESSO SUO FIGLIO. AFFINCHE' CI DIA LA FORZA DI ESSERE GARANTI DELLA PACE.

GRAZIE ALBERTO PER LA TUA TESTIMONIANZA