martedì 8 dicembre 2015

RAI ESTERI:DONALD TRUMP. CHIUDERE I SOCIAL. NON AVREBBE TUTTI I TORTI

BEH PER CERTI ASPETTI LE MIE IDEE COINCIDONO CON QUELLE DI TRUMP...  CON QUESTI SOCIAL SI E' DATO MODO DI DARE AGLI ALTRI UNO STRUMENTO CHE PUO' RITORCETI CONTRO. LO ABBIAMO IN ITALIA VISTO PURE CON I POLITICI NOSTRANI. SE NON CI FOSSERO STATI I SOCIAL PROBABILMENTE NESSUNO AVREBBE AVUTO LO STRUMENTO PER PARLARE.. DACCORDO ANCHE A VIETARE L'INGRESSO DEI MUSULMANI NEGLI STATI UNITI



Stati Uniti, Trump: "Chiudere internet"


MONDO

South Carolina
Stati Uniti, Trump: "Chiudere internet, alimenta l'estremismo" Durante un comizio il candidato favorito alla primarie repubblicane propone anche la chiusura dei social network
il Tweet

Donald Trump:vietare ingresso negli Usa ai musulmani.Casa Bianca:proposta contraria ai nostri valori
  

Gli Usa dovrebbero considerare l'idea di 'chiudere' internet e i social media, per arginare la diffusione degli estremisti online: è l'ultima uscita di Donald  Trump, che - in un comizio in South Carolina - ha detto di voler incontrare Bill Gates per discutere la sua idea.

In precedenza con un comunicato, il candidato favorito alle primarie repubblicane per la corsa alla Casa Bianca, aveva anche proposto di chiudere in modo "totale e completo l'ingresso dei musulmani negli Stati Uniti". Il comunicato non precisa se gli islamici che già vivono negli Stati Uniti debbano essere espulsi dal Paese o subire altre conseguenze, ma sottolinea come numerosi musulmani nutrano "odio" verso gli americani: "Da dove venga quest'odio, e perché, dovremo determinarlo: fino a che non avremo compreso il problema e la minaccia che esso rappresenta, il nostro Paese non può essere vittima di attacchi orribili da parte di gente che non crede che al jihad e non ha alcun rispettoper la vita umana".

Dura la raazione della Casa Bianca, il cui portavoce Ben Rhodes ha definito "contrarie ai valori americani" le proposte di Trump: "Il rispetto della libertà di religione è scritto nella nostra Dichiarazione dei diritti; ma sono anche contrarie alla nostra sicurezza, dal momento che i jihadisti cercano appunto di dare l'impressione di una guerra fra gli Stati Uniti e l'Islam".