lunedì 6 maggio 2013

ANDREOTTI DA UN LATO, PENSO SI DISTINSE PER LA POLITICA ESTERA FILO OCCIDENTALE DELLA DEMOCRAZIA CRISTIANA... MA SUL CONTRASTO AI TERRORISTI DELLE BRIGATE ROSSE NON DO GIUDIZI

 io non giudico andreotti sul piano dei rapporti con la mafia, del caso moro, e del terrorismo, roba che peraltro ci ho fatto la tesi di laurea... io collego andreotti alla democrazia cristiana che è il mio partito di origine... per il fatto che proveniva dalla scuola de gasperiana, e per il suo ruolo guida nella politica estera... che ha fatto da ago da bilancia... durante la guerra fredda... sopratutto per il fatto che lui era filo atlantico.... questi sono i tratti che mi interessano dell'ex primo ministro...il rapimento ed il conseguente omicidio di moro fu l'attacco piu' codardo che quegli assassini vigliacchi delle Brigate Rosse avrebbero potuto sferrare allo stato... Le Brigate Rosse andavano necessariamente annientate.. con il terrorismo e la violenza non si ottiene mai nulla.... ho la speranza che anche la mafia sarà sconfitta come i terroristi rossi.... noi possiamo fare anche la nostra parte. non piegando mai la testa a questi cani rabbiosi... che avvelenano solo il territorio

aggiungo sulle br che affermavano di lottare per la classe operaia... la verità è che i terroristi rossi, non avevano nulla di buono, non hanno giovato per niente alla classe operaia... erano solo bande di delinquenti, e spietati assassini... e tali saranno giudicate dalla storia